Esplora contenuti correlati

SPECIALI PRESCRIZIONI DI CHIUSURA IN OCCASIONE DELLE IMMINENTI FESTIVITÀ PASQUALI

creato il

images

IL SINDACO

 

CONSIDERATO

  • Che sull’intero territorio nazionale è in atto emergenza sanitaria originata da pandemia virale COVID – 19;
  • Che sulla scorta di tale situazione il Governo nazionale ha adottato misure straordinarie volte al contenimento della diffusione virale, anche attraverso la limitazione della circolazione dei cittadini per sole comprovate esigenze lavorative, necessità e motivi di salute, al fine di imporne la massima presenza in abitazione;
  • Che dal 4 marzo u.s., (data di pubblicazione del citato DPCM in Gazzetta Ufficiale) ad oggi la descritta pandemia ha avuto una preoccupante espansione, legata a crescita esponenziale di contagi e vittime, sia a livello nazionale che regionale.
  • Che nell’odierna situazione di emergenza la tutela del diritto fondamentale alla salute pubblica impone, secondo lo scrivente Sindaco, una temporanea riduzione delle potenziali occasioni  di assembramento di persone e, per l’effetto, fattore idoneo ad incrementare la diffusione del virus.

 

VISTO il D.P.C.M. del 02/03/2021, e il D.L. 13/03/2021 recante disposizioni specifiche fino alla data del 06/04/2021 dei provvedimenti concernenti la gestione della situazione emergenziale in atto sul territorio nazionale;

 

CONSIDERATO che nella prassi quotidiana si registrano frequenti fenomeni di accesso concomitante presso gli esercizi commerciali da parte di coppie di adulti o nuclei familiari di più persone (anziane), con ciò delineandosi la necessità vincolante di maggiori tempi di attesa e maggiore contingentamento nei tempi di accesso alla struttura di vendita, in modo da prevenire il rischio di assembramenti ed il necessario mantenimento del distanziamento sociale, invece pregiudicati dall’eccessivo numero di utenti in movimento;

 

RITENUTO che in occasione delle imminenti festività pasquali la eventuale possibilità di accesso alle strutture di vendita ed esercizi commerciali potrebbe concretamente aggravare il rischio che si verifichino assembramenti incontrollabili, proprio mentre il controllo delle Forze di Polizia deve inevitabilmente rivolgersi verso le arterie stradali ed i luoghi pubblici, di possibile movimento e ritrovo di persone;

 

VISTO l’art.50, 5° co. del D. Lgs. 267/2000 secondo cui in caso di emergenze sanitarie il Sindaco può adottare ordinanze contingibili e urgenti e ritenuto sussistente, nell’odierna situazione, sussistere gli elementi emergenziali per l’adozione del provvedimento “extra ordinem”, anche in relazione all’art.50, 7° co. del cit. D. Lgs. n.267/2000, secondo il quale “nell’ambito delle competenze che la legge attribuisce al Sindaco vi è quella del coordinamento degli orari della città e, tra l’altro, degli esercizi commerciali in genere;

 

VISTO l’art.50, 4° co. del D. Lgs. n.267/2000, recante l’obbligo della preventiva comunicazione al Prefetto dei provvedimenti anche contingibili e urgenti adottati dal Sindaco al fine di prevenire ed eliminare pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana;

 

ORDINA

Tutti gli esercizi commerciali, qualsiasi attività di vendita al dettaglio alimentare e non alimentare e tutti gli operatori commerciali su aree pubbliche in forma itinerante, ad eccezione di farmacie, parafarmacie ed edicole osserveranno la completa chiusura al pubblico nella giornata del 4 aprile 2021

 

DISPONE

 

Che la presente ordinanza sia preventivamente comunicata a S.E. il Prefetto di Sassari a mezzo pec, e successivamente trasmessa alle Forze dell’Ordine territorialmente competenti per vigilanza e controllo;

 

AVVERTE

 

Che la violazione a quanto disposto nel presente provvedimento è sanzionabile ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs. n.2167/2000, ove il fatto non costituisca, più grave reato.

 

 

Avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso:

  • giurisdizionale al Tribunale Regionale della Sardegna sez. di Cagliari, entro 60 giorni dalla data della pubblicazione;
  • straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla data della pubblicazione.
← Ritorna indietro
torna all'inizio del contenuto