Vai ai contenuti
A - A+   Mappa Sito

Comune di Olmedo

Foto di Olmedo Foto di Olmedo
Sei qui: HOME » Articoli » Secondo incontro per il partenariato "coros"

Secondo incontro per il partenariato "coros"

Cultura
27 ottobre 2006
L’incontro si terrà a TISSI il giorno Giovedì 02.11.2006 alle ore 18.00 presso i locali dell’Ex Mattatoio siti in Via Italia.
I 16 Comuni del Coros – Logudoro – Figulinas, fra i quali Olmedo, promotori del Progetto di sviluppo locale per l’aggregazione territoriale hanno convocato un ulteriore incontro del parternariato pubblico – privato a valere sulla progettazione integrata delle Aree Rurali.

Sono invitati a partecipare, oltre a tutti i proponenti delle iniziative progettuali a valere sulla PI 2006, le imprese, le cooperative, le associazioni, gli enti e le rappresentanze di categoria dei territori dei Comuni interessati (Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Monteleone Roccadoria, Muros, Olmedo, Osilo, Ossi, Ploaghe, Romana, Tissi, Uri , Usini, Villanova Monteleone).

Per quanto riguarda il Comune di Olmedo sono state approvate due importanti iniziative progettuali sulle quali l’Amministrazione ripone forti aspettative.
Entro il previsto termine del 19 giugno 2006 sono state infatti presentate le seguenti proposte, fra loro fortemente integrate, assolutamente coese con le progettualità private locali e in perfetta sintonia con finalità del progetto integrato dell’Area Rurale Storica “Coros – Logudoro – Figulinas”:
- La Valorizzazione e Salvaguardia del compendio comunale “Su Padru – Monte Baranta – Padru Salari” e l’ istituzione del Parco Archeonaturalistico di Monte Baranta per un importo di € 3.600.000,00.
- L’ Acquisizione e riqualificazione di un antico immobile sito nel centro storico di Olmedo per la realizzazione de “Sa domo de su pane” – Centro per la valorizzazione, produzione e commercializzazione del pane tradizionale di Olmedo; importo € 728.000,00.
Tali proposte sono state ritenute ammissibili dalla competente autorità Regionale.

La funzione del tavolo di parternariato territoriale è quella di addivenire a una più dettagliata articolazione del Progetto di Sviluppo Locale e alla indicazione di quelle iniziative progettuali, pubbliche e private, ritenute strategiche per lo sviluppo complessivo delle aree interessate.

Al riguardo si rende necessaria la individuazione di un comitato di coordinamento, ove siano rappresentate le diverse componenti, che avrà la delicata funzione di redigere nel concreto il Progetto tenendo conto del grado di coerenza delle molteplici iniziative proposte con le finalità dell’intera area locale.



 
Torna su