Vai ai contenuti
A - A+   Mappa Sito

Comune di Olmedo

Foto di Olmedo Foto di Olmedo
Sei qui: HOME » Articoli » Mostra del pane 2005

Mostra del pane 2005

Cultura
10 novembre 2005
Grande successo per la XVII edizione della Mostra del Pane Olmedese
A ulteriore conferma delle capacità organizzative della locale Pro Loco, la XVII^ edizione della Mostra del Pane ha riscontrato uno straordinario successo sia per l’elevatissimo numero di visitatori, sia per il gradimento espresso dagli ospiti nei confronti delle degustazioni.
Nelle due giornate della kermesse olmedese, Sabato 4 e Domenica 5 Novembre, migliaia di gastronauti hanno percorso un sublime itinerario all’insegna della riscoperta dei sapori più autentici della tradizione alimentare della nostra terra.

I più fortunati hanno avuto la possibilità di accostarsi al pane tipico appena sfornato dal forno a legna mobile messo a disposizione delle panificatrici dalla Amministrazione Comunale. Era naturalmente proprio il pane, alimento principe della dieta mediterranea, a costituire il primario motivo di attrazione, nelle variegate fogge della panificazione tradizionale. Ecco dunque celebrarsi il trionfo del gusto accanto alle morbide covazzas, alla saporosa consistenza del pane oltadu in telu, alla armonica levità del pane ammoddigdu e del ferru ‘e caddu all’accattivante rugosità di loturas e pane russu, alle ammiccanti rotondità delle tittas de monzas e dei tundittos. Non meno gradite le artistiche variazioni sul tema offerte dai pani finemente decorati del c.d. pane ‘e affidu o del più prosaico cozzulu ‘e s’ou. Per l’occasione la valentissime mastras de pane sulumedesas si sono avvalse della preziosa cooperazione delle Pro Loco di Ossi e Tissi

Accanto a sua maestà il pane tradizionale e per esaltarne le superbe qualità organolettiche i cicciones ischeados cun bagna de affidu (gnocchetti al sugo), la rustica immancabile aveghe a buddidu (pecora bollita), i ridenti andarinos, la corposa zuppa montina proposti dagli affiatati e ormai affermati cucinieri delle Pro Loco di Olmedo, Usini e Monti.

Il pane è stato al centro del convegno inaugurale della manifestazione. Molto interessanti gli spunti offerti al dibattito dal Sindaco Luigi Ruiu, dal Presidente della Camera di Commercio Gavino Sini e dall’Assessore Provinciale al Tuirismo Marco di Gangi. Oltre ai quasi scontati complimenti per la qualità e la continuità nel tempo della proposta della Pro Loco Olmedese i relatori hanno posto l’esigenza di far compiere alla consolidatissima Mostra del Pane Olmedese un ulteriore e definitivo salto di qualità. La strada da percorrere è quella che porta verso la proposizione della denominazione d’origine per il pane tipico e la successiva costante commercializzazione di un prodotto ineguagliabile. Con la consueta verve oratoria Giovanni Antonio Farris, docente della Facoltà di Agraria della Università di Sassari, ha molto insistito sulla esigenza di una vera e propria svolta che valorizzi in maniera ancora più compiuta, e con serie possibilità di ricadute reddituali e occupazionali, il pane tradizionale. Secondo il Prof. Farris è ormai indubitabile e incontestabile il primato che la Mostra del Pane Olmedese ha raggiunto nell’isola. Olmedo viene ormai dai più indicato come “IL PAESE DEL PANE”.

Da questa conquista bisogna partire per le prossime stagioni, con l’auspicio che, come per il ciclo del grano, dopo la semina e la cure colturali, arrivi l’agognata messe: s’incunza.

La manifestazione è stata organizzata dalla Pro Loco di Olmedo con il patrocinio dell’Assessorato Comunale alla Cultura, della Provincia di Sassari e del Banco di Sardegna. Il Presidente della Pro Loco Massimo Meloni ha ringraziato l’Amministrazione Comunale e gli altri Enti patrocinatori per il sostegno generosamente accordato alla iniziativa dando appuntamento al Mese di Dicembre per la suggestiva esposizione del Presepe di Pane nell’incantevole scenario della Chiesa Romanica del XII secolo.

Subito dopo il Santo Natale 2005 occorrerà mettere in cantiere le prossime iniziative per la valorizzazione di un prodotto, quale il pane tipico, che incontra l’incondizionato consenso dei consumatori. Al riguardo è stata già stipulata un’intesa di massima fra la il Comune e la Pro Loco di Olmedo, l’Università e la Camera di Commercio di Sassari per la predisposizione di un organico progetto che preveda l’istituzione della denominazione d’origine per il pane tradizionale olmedese e la redazione di un piano operativo per la produzione e commercializzazione, secondo rigorosi criteri qualitativi, di questo inestimabile dono della nostra tradizione agroalimentare.



 
Torna su