Vai ai contenuti
A - A+   Mappa Sito

Comune di Olmedo

Foto di Olmedo Foto di Olmedo
Sei qui: HOME » Articoli » Le due olmedo firmano il 1° settembre il patto di fratellanza

Le due olmedo firmano il 1° settembre il patto di fratellanza

Cultura
31 agosto 2006
Venerdì primo settembre alle ore 17.00, si terrà a Olmedo, davanti al Consiglio Comunale convocato in seduta solenne, la cerimonia della pubblica sottoscrizione dell’Accordo di Gemellaggio fra il Comune di Olmedo e l’omonimo Ayuntamiento de Olmedo in Spagna, nella regione Castilla y Leon, deputacion de Valladolid.
Si tratta di un appuntamento di eccezionale rilevanza per entrambe le Comunità, le quali, alla prima esperienza di “hermanamiento”, hanno insieme deciso di compiere un percorso di amicizia, di solidale fraternità e di vicendevole sostegno.

Fra Olmedo in Sardegna e Olmedo in Spagna, si sono individuati interessanti spunti di contatto, che vanno al di là della immediata comunione, in sé comunque assai singolare, della denominazione dei due centri. Denominazione che deriva per entrambi i centri dalla larga diffusione degli olmi nei rispettivi territori. Del tutto naturale riscontrare che gli stemmi dei due Comuni riportano la raffigurazione di un verde albero d’olmo.
A Olmedo la lingua tradizionale è il logudorese, regina delle varianti linguistiche sarde. L’olmedese parlato e scritto ha fortissime affinità lessicali e sintattiche con il castigliano.
Il principale itinerario che vede unite le due cittadinanze è quello che si sviluppa intorno al senso del sacro e alla religiosità popolare. E’ vivissimo in entrambi i centri il culto della Vergine Maria, Patrona sia della Olmedo spagnola che della Olmedo sarda. A tale aspetto si collega una ulteriore coincidenza: le Case Comunali dei due paesi sono ubicate in una piazza intitolata a Maria. Plaza Santa Maria per la Olmedo Spagnola, Piazza Nostra Signora di Talia, per la Olmedo isolana.
Curioso anche il fatto che anticamente Olmedo castigliana veniva chiamata Villa de siete fuentes; così pure l’antica Ulumetum, sede dell’omonima curatoria, veniva chiamata anche Tzitade de sette funtanas.

La sottoscrizione dell’accordo di gemellaggio costituisce il momento culminante di un processo di reciproca conoscenza fra le due comunità iniziato nell’anno 2004.

Alla cerimonia interverrà la delegazione spagnola guidata dall’Alcalde de Olmedo Don Alfonso Angel Centeno Trigos cui si uniscono il Teniente Alcalde e il Concejal de Servicios, che nell’ordinamento comunale spagnolo svolgono le funzioni dei nostri vice sindaco e assessore. La delegazione ufficiale comprende inoltre il Secretario Interventor D.° Gerardo Villasol, figura quasi corrispondente a quella nazionale del Segretario Comunale.
Dopo le relazioni introduttive del Sig. Sindaco di Olmedo Luigi Ruiu e dell’Assessore alla Cultura Gabriella Isoni si passerà alla pubblica lettura, in lingua italiana e in lingua spagnola, dell’accordo di gemellaggio predisposto dal Segretario Comunale di Olmedo Dr. Antonino Puledda. La funzione testimoniale è stata affidata al Prefetto di Sassari Dr. Gullotta, al Dr. Franco Borghetto, Vice Presidente della Provincia di Sassari, all’Avv. Marco Tedde, Sindaco di Alghero e al Dr. Gavino Sini, Presidente della Camera di Commercio Sassari. Il Presidente della Regione Sardegna impossibilitato a partecipare ha inviato un caloroso messaggio di saluto e di augurio per le due Olmedo e per il loro congiunto cammino. Hanno assicurato la loro presenza gli Assessori Provinciali al Turismo Dr. Marco Di Gangi e alla cultura Dr. Stefano Mundula oltre al Consigliere Provinciale Dr. Tony Faedda.
A suggello della cerimonia il Sacerdote Don Giampiero Piras benedirà le due comunità affratellate invocando per esse la protezione della Vergine Maria, eletta a venerata patrona sia dagli olmedesi di Sardegna che dagli olmedani di Castiglia.
Le delegazioni ufficiali e le autorità, dopo aver ricollocato il simulacro della Madonna di Talia nella Chiesa Romanica del sec. XII, contigua alla Casa Comunale, accompagnate dai gonfaloni municipali, dai gruppi folkloristici S’Isprone e Tumbarinos di Gavoi, dal Coro Polifonico Incantos, da numerosi cittadini adornati dall’abbigliamento tradizionale, renderanno visita al Parroco di Olmedo Don Bernardino Murgia presso la Chiesa Parrocchiale dove saranno intonati in segno di ringraziamento “Sos Gosos pro Nosthra Signora ‘e Talia”.Subito dopo i due primi cittadini taglieranno il nastro inaugurale della V^ Edizione di Olmedo Produce, Fiera delle Arti e dei Mestieri della Tradizione Sarda.

In considerazione della importanza dell’evento tutta la cittadinanza è calorosamente invitata a partecipare.



 
Torna su